Cartolina del Giorno (38): il termometro dei sentimenti

Mia Carissima Cara,
vi è tra le persone di questo secolo e mezzo una tale mistificazione su ciò che è amore!
Il Romanticismo, questo decadente movimento, ha iniziato a confondere tutto. Bene, innamoramento e amore non sono per niente una cosa soltanto. La mancanza degli uomini è non discernere il grado di ciò che si manifesta, in questo modo confondono l'oggetto dei loro desideri.
Quel che veramente ci fa stare insieme non è certo l'innamoramento, futile, passeggero ed egoistico. Il bene ci lega e duraturo costruisce rapporti saldi e invincibili.
L'amore è muto e non sa chiedere: regala un portafogli, con la speranza di poter avere abbastanza di che vivere da poterci custodire; cucina all'altro la "cuccia" quando non è il 13 dicembre - L'amore è una cura dell'altro per se stessi!
Stammi bene, ragazza mia, perché io te ne voglio.
Muove il Bianco. Scaccomatto in una mossa!

Cartolina del Giorno (37): il valore dei desideri

Mia carissima Cara,
andando a spasso tra la fauna umana sembra che vadano di moda le parigine. Lo sai, cuore lontano, che poco e nulla la moda affascina il sottoscritto, essendo quella non altro che il gusto influenzabile dei molti che inseguono l'eleganza, credendo di raggiungerla!
Le gambe delle donne, tuttavia, sono come gli dei che creano desideri proibiti! Se solo immagino le tue, poi...
A guardar bene questa folla, che si guarda intorno alla ricerca di quel qualcosa che manca, sperando di poterla eliminare dalla lista dei desideri, ti ricordi che è vano sperare di educare le masse. L'errore è credere che le masse possano essere educate! Solo l'individuo può eccellere, poiché questo è il destino naturale d'ogni essere nato!
Stammi bene ragazza mia, perché io te ne vorrò.
Muove il Nero. Scaccomatto in una mossa!



Cartolina del Giorno (36): ritratti dipinti dalla vita

Mia Carissima Cara,
oggi il sole riscalda la fredda aria che, dal mio terrazzo, sferza la mia pelle e la mia faccia. Gli occhi osservano una distesa di tetti, pochi comignoli e molte antenne.
A volte mi fermo molto ad osservare l'orizzonte. Da ragazzo, il balcone di casa mia non era affatto un limite ed i tramonti, che si sono impressi sul mio animo come quadri, sono forse quanto di più bello conservo nella mia vita. Questa maledetta bellezza! Non mi lascia, anima cara, non mi ha mai lasciato e penso che mai mi abbandonerà! Non salverà il mondo, forse, ma ne resterà sempre il ritratto più vero, se per vero non intendiamo quel che crediamo o pensiamo, bensì il tutto così come a noi si rappresenta!
Questo matto ora rientra, un caffè mi scalderà mentre ricerco il vero ed il bello, come ogni giorno.
Stammi bene, mia cara, perché io te ne voglio!
Muove il Nero. Scaccomatto in una mossa!

Cartolina del Giorno (35): bolle di volontà possibili

Mia Carissima Cara,
ora sto meglio! Ho trascorso un paio di giorni cupi e di questo dolce male credo ne abbiano risentito le parole che ti ho inviato.
Qualunque cosa tu abbia pensato, non te ne curare, anima cara. A questo servono le nostre parole scarabocchiate su queste cartoline: a dirci ciò che di noi non vediamo, a sentirci attraverso le parole e leggerci gli animi a noi così diventati vicini.
Qualcuno, che morì oggi sessant'anni fa, sottolineò come l'uomo sia l'unico animale a voler essere ciò che non è. E quanto male al mondo questo ha portato ed agli uomini infelicità solo l'uomo, che della propria possibilità possiede le chiavi e la misura, ne conosce il segreto. Il vero matto, mia cara, è colui che ha imparato che non ciò che si vuole diventa possibile, ma solo ciò di cui si è e si ha possibilità è necessario volere!
Stammi bene, perché io te ne vorrò.
Muove il Bianco. Scaccomatto in una mossa!

Cartolina del Giorno (34): esami senza lezioni

Mia carissima cara,
sono stato lontano per alcuni giorni. Mi sono preso cura di me stesso, ho fatto un falò delle mie vanità, ho costruito castelli di ego insormontabili all'assedio degli altri, ho riso pensando a te e cercando nuovi me da matto da presentarti.
Se mai un giorno ti incontrerò, sarò preparato a questo!
Inizia un nuovo corso, come il vecchio, fatto di giorni pieni di vita: la bellezza del mondo sta nell'assenza d'ogni domanda, poiché s'impara a diventare la risposta!
Ho pensato molto in questi giorni a questo: velle non discitur.
Muove il Bianco. Scaccomatto in una mossa!