Sliding doors di un Mediogioco: imparare dalle partite

Simili ai viaggiatori per caso, attraversiamo la nostra vita: non avevamo programmato nessuna meta, non avevamo organizzato nessuno specifico itinerario. Assomigliamo, in effetti, più a fuggiaschi che a dei veri e propri viaggiatori.
All'inizio appare tutto molto semplice. Tutti ti dettano le regole e ti danno consigli e ti instillano principi, dicendoti che ti serviranno in futuro. Tu, recalcitrante, ascolti, disubbidisci e poi li metti in pratica. Ecco che, finalmente, tutto sembra andare bene, ora la strada ti si mostra in tutta la sua bellezza di luoghi da scoprire, fino a quando non giungi nel mezzo del cammino. Senza un Virgilio, allora, e con una bussola che sai di aver nascosto da qualche parte devi scegliere il tuo itinerario. Tra tutte quelle strade candidate, tu lo sai, solo una diventerà quello che sei!
Sono così le partite a scacchi di noi principianti. Quante volte ci capita di giocare bene, anzi meglio, per poi stringere la mano al nostro avversario da sconfitti! La cosa più difficile da accettare, che va sempre ricercata, è che la strada alla sconfitta l'abbiamo intrapresa noi, mentre potevamo ben prenderne altre verso la vittoria. E' quello che succede in questa partita, dove il Bianco dalla strada della vittoria, cambia direzione e va diritto fino alla sconfitta!
Il nostro consiglio rimane sempre quello di guardare prima l'intera partita, successivamente prendete scacchiera, pezzi, carta e penna. Quando vi troverete in quel luogo inventato dagli dei, tra il principio e la fine: scegliete chi volete diventare.



ESERCIZIO 1
 

ESERCIZIO 2



ESERCIZIO 3

Post popolari in questo blog

Una Timida Francese: imparare dalle partite

Dalla Spagna con Errore: imparare dalle partite

Inesorabili Scoperte: imparare dalle partite