Cartolina del Giorno (42): la felicità al mercato

Mia Carissima Cara,
perdonami il silenzio di questi giorni. Non mi sei mancata, perché tu non sarai mai una privazione: sei, al contrario, tutto ciò che dà pienezza ai pensieri; tutto ciò che è necessario alla felicità del mio animo, fino a diventare lussuria per i miei sensi - ma sei sempre presenza e giammai assenza!
C'è stato un tempo in cui l'uomo misurava la propria felicità in rapporto ai bisogni di cui poteva fare a meno. Oggi vivono tutti per i bisogni che a loro creano attorno. In ogni campo, dal cibo al spirito, non devi essere felice e non lo puoi essere perché devi aver bisogno ciò che ti dicono sia necessario. Quando, poi, il necessario lo hai avuto, non è abbastanza ci vuole un completamento o un aggiornamento!
Oggi sei felice, povero matto, solo se non sai e non ti accorgi che sei uno schiavo!
Stammi bene, ragazza mia, perché io te ne voglio sempre.
Muove il Nero. Scaccomatto in una mossa!

Post popolari in questo blog

Una Timida Francese: imparare dalle partite

Dalla Spagna con Errore: imparare dalle partite

Inesorabili Scoperte: imparare dalle partite