Cartolina del Giorno (5): un caffè zuccherato d'odio


Mio breve incanto,
ti detesto, lo sai, per il modo in cui mi hai allontanato dal tuo mondo e da te, forse anche per tanto altro che il cuore non ha ancora confessato. 
Vai pure via, come vuoi e quando vuoi, dalla mia vita! Tu che l'hai fatta vibrare! Me ne restano, ora, di suoni più sinceri, di melodie più felici; e per questo del mio amore nulla ti negherò mai.
In questo bar, appena un corridoio di matti, è pomeriggio e il caffè è nero, buono, sembra ispirarti alla sincerità e ti fa sentire, inoltre, in pace con te stesso. 
Sono appena sbarcato e sono impaziente di portarti sempre insieme a me, ovunque io, e te, andrò per tutte le strade nuove che attendono di essere attraversate.
Stammi bene, ragazza mia.

Muove il Nero. Scaccomatto in una mossa!





Post popolari in questo blog

Una Timida Francese: imparare dalle partite

Dalla Spagna con Errore: imparare dalle partite

Inesorabili Scoperte: imparare dalle partite